Vai al contenuto della pagina Vai al menu di navigazione

Studio Legale Fava

Logo dello Studio Legale Fava con immagine di pagine di quotidiani
Ti trovi in: Home > La nostra opinione >Non si sa

Non si sa

Di Gianluca Fava - 03/06/2013

Cari lettori gentili lettrici, in questa sede, purtroppo, si vuole e si deve porre l'accento su un'anomalia italiana che assume sempre più le sembianze di una patologia: l'informazione!

Vi ricordate quando in India, tutti i giorni, improvvisamente venivano stuprate delle donne? Attualmente, a quando pare, il problema si è risolto; come? Non si sa!

Vi ricordate quando, ogni giorno anche in Italia, una o più donne veniva sfigurata con l'acido? Adesso è stata risolta anche questa piaga sociale; come? Non si sa!

Vi ricordate quando non esistevano diversamente abili soprattutto ciechi, perchè quelli trovati erano tutti falsi invalidi? Adesso, sono quasi estinti i falsi invalidi! Come mai? Non si sa!

Adesso è di nuovo il turno di donne vittime di stalking che, purtroppo, spesso sfocia in omicidio! Sì, amici, in omicidio e non in feminicidio che non significa nulla, è e sarebbe un controsenso e, se dovesse essere emanata una legge ad hoc, sarebbe incostituzionale per palese contrasto con l'articolo 3 della Costituzione: "tutti i cittadini sono UGUALI davanti alla Legge, senza" (tra l'altro) "distinzione di sesso"!

Vi ricordate il periodo in cui venivano rapiti solo bambini ed adolescenti? Adesso ciò non si verifica più! Nel mondo dello spettacolo, vi ricordate gli scandali dei provini a luce rossa che videro coinvolto, tra gli altri, l'imitatore Gigi Sabani? Adesso sembra che tali incresciosi e riprovevoli episodi non si verifichino più! Come mai? Non si sa!

Chi scrive non crede e non ha mai creduto alle soluzioni improvvise e "miracolose" di situazioni oggetto di cronaca nera e giudiziaria. Esse, infatti, o non sono da considerarsi un'emergenza sociale altrimenti quando i media smettono di parlarne, si dovrebbero considerare concluse; o, quando si verificano, non sono così frequenti come ci vogliono far credere.

Se invece trattasi veramente di emergenze risolte, perchè nessuno ci spiega qual è stata la soluzione adottata? Smettiamola di berci tutto: l'informazione italiana è da sempre politicizzata e quindi volutamente lacunosa, in mala fede e finalizzata all'orientamento premeditato del pubblico in un certo senso ed in una certa direzione e per certi fini occulti e dolosamente resi incomprensibili ad un'intelligenza medio-bassa come quella dello scrivente!

Non è così? Allora come si è risolta, ad esempio, la vicenda della mucca pazza? Non si sa!

E quella del pesce al mercurio? Non si sa!

E quella del latte alla diossina? Non si sa!

Inoltre, chi mastica un poco di diritto, può spesso accorgersi che i giornalisti che si occupano di cronaca giudiziaria, non solo non hanno mai nemmeno letto il codice di procedura penale o il codice penale, ma cercano anche di spingere l'opinione pubblica a "desiderare" leggi assurde, impossibili e non integrabili nel nostro Ordinamento, il quale è già troppo pieno di norme mai abbrogate ed altrettanto mai (o quasi) applicate e perchè? Non si sa!

Tutto ciò, a modesto avviso dello stupido autore del presente articolo, potrebbe uccidere la democrazia, la cultura e la formazione del cittadino moderno, il quale, se desidera approfondire un determinato argomento, ha bisogno di tempo, preparazione e voglia, salvo poi scoprire che potrebbero ugualmente non bastare, perchè? Non si sa!!!

Commenti

Se vuoi commentare questo o altri articoli, puoi unirti agli amici dello Studio Legale Fava che si incontrano tutti i giorni sulla nostra pagina Facebook.